Magic Leap Blog

Il primo blog di notizie su Magic Leap in Italia

Non più dubbi: le lezioni dalle recenti presentazioni dei principali concorrenti

La prossima mossa di Magic Leap sarà il lancio del suo primo prodotto. Considerando però le reazioni della stampa alle frammentarie informazioni di questi mesi, un’introduzione non completa della loro rivoluzionaria tecnologia comporterebbe sicuramente un totale fallimento. Il lancio del dispositivo sarà per Magic Leap il momento più importante della sua storia e, per questo, dovrà essere memorabile. Solamente i grandi prodotti sono infatti in grado di affrontare la maggior parte degli ostacoli. Sono diversi gli esempi che recentemente ci hanno permesso di comprendere a fondo questo fenomeno. Molti prodotti mediocri hanno avuto successo in seguito ad una buona presentazione e molti buoni prodotti hanno invece fallito a causa di un pessimo lancio. Che si tratti di una conferenza stampa, di un video introduttivo o di una festa di un’intera settimana, la corretta introduzione nel mercato di un prodotto può decretarne il successo o, viceversa, il completo fallimento.

Nel corso del 2016 abbiamo assistito a diverse presentazioni degne di nota: No Man’s Sky, Google Pixel, i nuovi MacBook e più recentemente la Nintendo Switch, tutti esempi dai quali possiamo trarre spunti molto interessanti e dalla quale Magic Leap dovrebbe imparare.

I nuovi MacBook

Magic Leap Blog

Il lancio, nel 2016, dei MacBook è forse l’esempio più lampante di ciò che Magic Leap dovrebbe imparare. Il prodotto presentato era infatti scadente, o meglio, non era particolarmente male, ma molto al di sotto delle aspettative. Le nuove funzionalità sono state poco innovative e per nulla pratiche, mentre alcune funzionalità che da sempre caratterizzavano la gamma sono state eliminate. Il prezzo è stato ulteriormente aumentato e il prodotto finale soffriva di un anomalo consumo della batteria. Questa situazione ha ovviamente diminuito la fiducia dei consumatori.

Da questo importante esempio è evidente come sia necessario, prima di rilasciare un prodotto, assicurarsi delle sue potenzialità. Anche se i consumatori desidererebbero avere quanto prima tra le mani l’innovativo dispositivo, Magic Leap dovrebbe ritardare il suo lancio fino a quando non è completamente terminato il suo sviluppo.

Per Apple il prodotto non solo era incompleto, ma era anche molto al di sotto delle aspettative. Magic Leap è invece in una posizione differente, in quanto non ha alle spalle una storia così importante. Presentare per loro un dispositivo al di sotto delle aspettative non può generare delle conseguenze simili a quelle evidenziate per i nuovi notebook di casa Apple. Non ci possiamo ancora chiaramente immaginare cosa ci potrebbe offrire Magic Leap, viceversa abbiamo ben chiara l’idea di ciò che potrebbe sviluppare Apple. Questo rappresenta per Magic Leap un’importante opportunità, la possibilità di gestire le aspettative dei consumatori, la più grande lezione che si dovrebbe imparare da queste presentazioni. Le persone, anche se difficilmente lo ammettono, sono influenzate dai propri pregiudizi e la possibilità di poterli controllare può fare una grande differenza rispetto alla percezione del prodotto.

No Man’s Sky

Magic Leap Blog

No Man’s Sky ha generato diversi dibattiti sul web. Vi posso già anticipare che ho potuto giocarci e, anche se non fantastico, l’ho potuto considerare almeno divertente. È stato comunque impossibile non giudicare questo nuovo gioco indipendentemente da quanto evidenziato dalle critiche online.

Non voglio riprendere ciò che è già stato ampiamente discusso sui vari portali, cercherò quindi di arrivare direttamente alla conclusione. No Man’s Sky è stato allo stesso tempo un grande successo e un fallimento abissale. Di sicuro il team di dieci persone che ha sviluppato il gioco ha guadagnato un sacco di soldi. Non v’è quindi alcun dubbio sul successo finanziario di questo prodotto. Nello stesso istante in cui gli sviluppatori sono diventati ricchi, però, il brand ha completamente perso la fiducia dei consumatori. Ovviamente, in buona fede, tutti possiamo pensare che questi ragazzi volessero veramente proporre un gioco divertente ed appassionante, anche se il risultato non ha evidentemente raggiunto quelle aspettative tanto pubblicizzate.

Spaventosamente molte sono le analogie tra Magic Leap e No Man’s Sky. Entrambi hanno introdotto al pubblico il loro prodotto con modalità misteriose ed astratte, portando le persone ad immaginare obiettivi irrealizzabili. Entrambe sono inoltre relativamente sconosciute al grande pubblico. Come tali, le aspettative dei consumatori non possono essere rapportate ad alcun prodotto precedente, trasformandosi in questo modo a semplici speculazioni, molto spesso irrealizzabili.

Mentre possiamo considerare il lancio dell’ultimo MacBook un piccolo fallimento, il contraccolpo di No Man’s Sky evidenzia l’entità del danno generato da una società non in grado di gestire le aspettative. Magic Leap ha bisogno quindi di far scoppiare anticipatamente la bolla che la circonda. Fortunatamente sembra che questo sia già successo, grazie infatti all’articolo di Reed Albergotti su The Information, l’eccitazione attorno a Magic Leap è diminuita. Come già detto precedentemente, anche se non penso che sia stato fatto di proposito, sembra che Magic Leap abbia già imparato una lezione eccellente dal caso No Man’s Sky.

Google Pixel

Magic Leap Blog

Il lancio di Pixel rappresenta la situazione opposta di No Man’s Sky. Le vendite hanno infatti probabilmente soddisfatto Google, anche se le modeste aspettative non hanno permesso a questo nuovo dispositivo di abbattere tutti i record. Se si trattasse di iPhone oppure di uno smartphone Samsung staremo ora parlando di un fallimento commerciale, Google invece è stata in grado di presentare con successo il prodotto, acquisendo recensioni molto positive dalle testate più autorevoli del settore.

Questa è la presentazione di cui ha bisogno Magic Leap. Con molta probabilità, con la prima generazione del dispositivo, l’obiettivo non sarà quello di vendere un gran numero di prodotti, ma quello di dimostrare al mondo le sue potenzialità. Dovranno convincere le persone che la nuova tecnologia è interessante, anche se non si è disposti immediatamente ad acquistarla.

Quindi, come ha fatto Google ha raggiungere tale obiettivo? Ha semplicemente eliminato il fattore sorpresa. Tutte le caratteristiche dello smartphone sono emerse in rete ancor prima dell’evento. Non c’era nulla che la gente già non sapesse prima della presentazione. Hanno quindi lasciato che il prodotto si presentasse da sé. Non hanno cercato di ingannare il consumatore, hanno dichiarato le reali potenzialità del dispositivo e hanno permesso alle persone di testarle. È importante sottolineare come Google non abbia pubblicizzato delle caratteristiche non veritiere. Ogni produttore di smartphone, rivelandosi prima o poi non corretto, ha infatti evidenziato pubblicamente come la propria fotocamera fosse la migliore del mercato. Google ha invece presentato la propria come non la migliore, ma come un’ottima fotocamera, aumentando in questo modo il gradimento dei consumatori.

Questo quindi significa che Magic Leap non dovrebbe inserire nella formula del successo il fattore sorpresa? No, io non la penso esattamente così. Le sorprese devono essere presenti, devono essere positive e soprattutto devono essere vere. Non è necessario aumentare la durata della batteria. Non è necessario dichiarare che il proprio prodotto ha qualcosa di migliore di tutto il mercato, anche se in realtà così non è. Per eliminare le sorprese negative dovrebbero quindi, a mio parere, prima della presentazione, gestire attraverso l’uscita controllata di rumors i punti deboli del dispositivo, per poi evidenziare durante l’evento le caratteristiche più innovative e sorprendenti.

Nintendo Switch

Magic Leap Blog

Molte persone, in passato, hanno evidenziato le similitudini tra Magic Leap e Apple. In parte anche perché la stessa Magic Leap ha reso pubbliche delle dichiarazioni in tal senso. Forse, però, il paragone più adatto deve essere fatto tra Magic Leap e Nintendo, le caratteristiche in comune tra le due società sono molte, anche più che con Apple. Nintendo da sempre è una delle aziende che investe maggiormente in Ricerca e Sviluppo e non ha mai paura di osare. A volte tali rischi pagano, mentre altre volte si rivelano dei veri e propri fallimenti, Nintendo comunque non ha mai paura di affrontare qualcosa di rivoluzionario. Non v’è dubbio che Magic Leap stia facendo lo stesso.

Nintendo è anche un produttore di contenuti ed è considerato uno, se non il migliore del settore. Sembra che anche Magic Leap stia tentando di perseguire la stessa strada, stanno infatti investendo fortemente nello sviluppo di contenuti in-house, con la speranza di offrire, assieme all’hardware, anche qualcosa per cui vale la pena di utilizzarlo.

Questo ci accompagna al lancio di Nintendo Switch. Un unico dispositivo “potenziato” da alcuni importanti contenuti esclusivi. Questo è esattamente ciò che Magic Leap spera di presentare. Eppure il lancio di Switch per Nintendo non è stato affatto semplice. La maggior parte della stampa ha accolto positivamente sia l’hardware che il software, rimanendo però scettica riguardo il sistema. Purtroppo per Nintendo, inoltre, prima della presentazione ufficiale, sono emersi dei rumors non corretti riguardanti il prezzo della nuova piattaforma. Sembrava che Switch potesse essere infatti lanciato sul mercato a $ 250, in realtà il prezzo definitivo fu di $ 300. Se fossi stato nei panni di Nintendo avrei, prima dell’evento, fatto trapelare un prezzo di $ 350, o forse ancor più superiore, in modo tale da far passare l’idea di un dispositivo costoso. Alla fine, anche se Nintendo Switch è considerato da tutti una novità assoluta del settore, nello stesso tempo è considerata anche un’innovazione non economica.

Per quanto riguarda Magic Leap, dovrebbe far trapelare un prezzo molto elevato. Attualmente nessuno è infatti in grado di definire un prezzo per tale tipologia di prodotto. Magic Leap ha la necessità di associare al proprio dispositivo un costo elevato in quanto se i consumatori si aspettano un prezzo di $ 1000 e il device venisse lanciato a $ 700 allora sarà sicuramente percepito come ragionevole, mentre, al contrario, sarebbe considerato troppo costoso.

Le lezioni che abbiamo imparato

Le lezioni, in breve, che il reparto Marketing e Comunicazione di Magic Leap dovrebbe imparare sono:

  • Rendere il più presto possibile pubblici, attraverso dei rumors controllati, i punti deboli del dispositivo, per poi esaltarne durante l’evento le caratteristiche più innovative;
  • Far trapelare un prezzo elevato e fissare su quel prezzo le aspettative dei consumatori;
  • Accertarsi della bontà del prodotto, altrimenti ritardare la presentazione;
  • Controllare la pubblicazione dei rumors. Il primo device di Magic Leap ha già attorno a sé un alone di mistero, ogni informazione contenente un briciolo di verità viene ora percepita come credibile dalle persone. I rumors saranno fondamentali per non accrescere troppo le aspettative dei consumatori.
The following two tabs change content below.

Davide Rossi

Ciao! Sono Davide, il webmaster di Magic Leap Blog. Appassionato di tecnologia ma ancor più di innovazione. La mia missione è di tenerti sempre aggiornato su Magic Leap, la startup che rivoluzionerà nei prossimi anni il mondo dei computer.

2 Commenti

  1. Salve… una domanda…ma finché non uscirà col prodotto non esistono azioni acquistabili per i privati?… grazie

    • Davide Rossi

      2017-09-23 at 7:50 pm

      Salve Remigio, esatto, Magic Leap non è al momento una società quotata in borsa, non è quindi possibile acquistarne le azioni. Non è inoltre chiaro se Magic Leap presenterà mai una IPO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

© 2018 Magic Leap Blog

Theme by Anders NorenUp ↑